Vendita e prenotazione online biglietti concerti per Concerti e Concerti Grossi: Accademia dell'Annunciata in concerto Milano Arte Musica 2017

Giovedi 24 agosto 2017

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 7,04

Milano Basilica S. Maria della Passione Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Gio 24 ago 2017 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 7,04 Biglietti
Concerti e Concerti Grossi: Accademia dell'Annunciata in concerto - Milano Arte Musica 2017 24 ago, 20:30 Basilica S. Maria della Passione Via Conservatorio 16 Milano Concerti Biglietti non numerati 7,04

Info spettacolo

Concerti e Concerti Grossi è il programma con cui l’Accademia dell’Annunciata, per la prima volta ospite del festival, chiuderà giovedì 24 agosto l’edizione 2017 di Milano Arte Musica. Nella suggestiva cornice di Santa Maria della Passione, l’orchestra barocca composta da giovani musicisti, sotto la direzione di Riccardo Doni, violino solista Giuliano Carmignola, omaggia il genere del concerto, offrendo una panoramica del passato, dal capostipite romano Corelli all’esuberanza veneziana di Vivaldi, passando per C.P.E. Bach, Händel e Giardini, e dimostrando come la storia del concerto sia inesorabilmente legata allo sviluppo dello strumento violino, alla sua morfologia e alla tecnica esecutiva.

La nuova musica strumentale s’organizza nel Seicento intorno a diverse, concomitanti, innovazioni: innanzitutto l’autonomia crescente dalla parola cantata, pure mantenendo certe movenze espressive. Poi l’attestarsi di un linguaggio armonico orientato fra le polarità maggiore e minore, il cui spazio sempre più si va organizzando in strutture minime e in percorsi logici che diventano consueti (e, infine, naturali). Da ultimo, l’emergere della famiglia del violino, portata a compimento da Stradivari. Bisognerebbe sottolineare anche l’importanza delle corde filate, cioè rivestite e quindi ispessite, probabilmente usate per la prima volta a Bologna, che ha irrobustito il suono del violoncello, sancendo il predominio degli archi nella nascente orchestra.

Concerto, quindi, è un generico nome dato alla musica strumentale per orchestra, intendendo quest’ultima come una compagine in assestamento, ma già basata sul quartetto d’archi e sugli strumenti del continuo, il supporto armonico. Sin dai primi tentativi di Arcangelo Corelli, ci sono due possibilità per articolare il discorso musicale: alternare uno strumento solista all’intera orchestra, oppure trattare le prime parti (o un gruppo ristretto), dette concertino, come se fossero un solista. Concerto solista e concerto grosso, appunto. Qualche curiosità può suscitare Il Grosso Mogol, scritto probabilmente verso la fine degli anni dieci del 1700. Vivaldi compose anche un Grande Mogol, concerto solistico per flauto riemerso in Scozia. Il Mogul era il reggente dell’India e forse il concerto era stato eseguito come intermezzo per un’opera ambientata in quella regione. In ogni caso è un esempio di virtuosismo violinistico, specialmente nelle lunghe cadenze interamente scritte.

La seconda parte del concerto continua l’esplorazione dei due tipi di concerto, spostandosi in ambito europeo e procedendo cronologicamente. Il Concerto in re minore, da un originale per cembalo di Faurè, è un bell’esempio di come il concerto fosse un genere permeabilissimo, la cui destinazione solistica poteva essere facilmente adattata o a esigenze diverse di organico, oppure alla curiosità dei nobili patroni dell’arte. Fiorisce così una consolidata pratica di trascrizione, adattamenti, revisioni, che continua ancora ai giorni nostri.

Sempre d’ambiente londinese è l’ultimo autore in programma, seppur nato a Torino nel 1716. Felice Giardini, virtuoso e pedagogo, passa gran parte della sua vita musicale a Londra, dove collabora con l’altro figlio di Bach, Johann Christian, con Abel e con Fischer, suonando nei migliori salotti. È considerato uno dei migliori rappresentanti del cosiddetto stile concertante, dove le parti solistiche si avvicendano, coinvolgendo successivamente tutti gli strumenti. Nello stile galante la musica strumentale assume sempre più i tratti di una garbata conversazione da salotto, svolta secondo le regole della buona creanza e della raffinatezza.

Informazioni sull'organizzatore

Ass. Culturale La Cappella Musicale

Via V.Bellini 2
20100 - Milano
Telefono: +39 02 76317176