Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Kokoro

Venerdi 4 novembre 2016

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 15,75

Roma Teatro India, Sala A Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Ven 4 nov 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 15,75 Biglietti
Kokoro 4 nov, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 15,75

Info spettacolo

Lali Ayguadé
Romaeuropa Festival 2016

Direzione Lali Ayguadé
Danzatori Anna Calsina Forrellad, Nick Coutsier, Sergi Parés, Diego Sinniger de Salas
Musica Josep Baldomà
Scenografía Xesca Salvà
Drammaturgia Jordi Oriol Canals

Classe 1980, la barcellonese Lali Ayguadé vanta un percorso d’importanti collaborazioni. Formatasi nella scuola di Anne Teresa De Keersmaeker, nel 2003 entra nella Akram Khan Company e lavora ad alcuni dei più famosi spettacoli del coreografo anglo-bengalese: KaashMaBahokVertical Road e Confluence. Proprio in Inghilterra nel 2010 è nominata exceptional dancer dal premio della critica di Londra. Nello stesso anno, a Barcellona, fonda la sua compagnia.

Selezionata da Aerowaves, il network europeo volto al supporto di coreografi emergenti, Kokoro è la sua prima coreografia di lunga durata. Un lavoro in cui tutte le anime di questa versatile artista sembrano confluire, per dare vita alla sua estetica. D’altronde anima e cuore sono i poli concettuali racchiusi nel complesso termine che dà il titolo all’opera: Kokoro, tradotto letteralmente cuore, è la parola con la quale i giapponesi indicano contemporaneamente l’anima, il sentimento, la mente e l’attività spirituale.

A supportarla in questo visionario percorso di teatro-danza quattro danzatori dal diversissimo background: l’acrobata Sergí Parés, Diego Sinniger de Salas formatosi nell’hip hop, Anna Calsina Forrellad dalle capacità spiccatamente teatrali e il danzatore Nick Coutsier. Incontro d’influenze e stili per raccontare il finire delle cose, il trasformarsi dell’amore e l’effimera bellezza dell’essere umano.