Vendita e prenotazione online biglietti teatro per MisuraXMisura

Da martedi 6 dicembre 2016 a domenica 11 dicembre 2016

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 22

Roma Teatro India, Sala A Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Mar 6 dic 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 6 dic, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Mer 7 dic 2016 17:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 7 dic, 17:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Gio 8 dic 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 8 dic, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Ven 9 dic 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 9 dic, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Sab 10 dic 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 10 dic, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Dom 11 dic 2016 18:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
MisuraXMisura 11 dic, 18:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00

Info spettacolo

di William Shakespeare
regia e adattamento Graziano Piazza

con Ivan Alovisio, Alessandra Fallucchi, Clara Galante, Viola Graziosi, Sergio Mancinelli, Franco Mirabella, Graziano Piazza e con gli interpreti della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma Paride Ciciriello, Arianna Di Stefano, Pietro Masotti, Stefano Scialanga, Jacopo Uccella

Qual è quella Misura che si rispecchia in se stessa e ci fa vedere cosa siamo? MisuraXMisura è una pièce che festeggia i 400 anni della morte di Shakespeare mettendo al centro la società e soprattutto l’uomo che, con le sue contraddizioni, è costretto a conoscere sempre di più se stesso. La sessualità, l'uso di costumi licenziosi e lascivi, il desiderio irrefrenabile, quasi infantile, di infrangere la legge attraverso il peccato, il dualismo della moralità dei comportamenti, lentamente conducono verso una totale armonia, una giusta misura tra l’aspetto tragico e quello comico.

Una tragicommedia costantemente in bilico che, come in un thriller, disvela un suo equilibrio, senza dare risposte evidenti, ma ricongiungendo l’immane dualità delle cose umane. Omicidi, stupri per strada, confuse identità di genere, ma anche ingiustizia, politica corrotta, abusi di potere, eccessi e penurie di ogni tipo, sono così normali, che tutto si dà per scontato, e si diventa indifferenti a tutto. Questa pièce racchiude e lentamente disvela la sua armonia a lieto fine. Ciò che siamo obbligati a conoscere ci lascia attoniti, inconsapevolmente conniventi della Commedia Umana.