Vendita e prenotazione online biglietti teatro per No Hamlet please

Da giovedi 8 dicembre 2016 a domenica 11 dicembre 2016

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 22

Roma Teatro India, Sala B Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Gio 8 dic 2016 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
No Hamlet please 8 dic, 19:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Ven 9 dic 2016 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
No Hamlet please 9 dic, 19:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Sab 10 dic 2016 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
No Hamlet please 10 dic, 19:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00
Dom 11 dic 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,00 Biglietti
No Hamlet please 11 dic, 21:00 Teatro India Lungotevere dei Papareschi, 1 Roma Teatro Biglietti non numerati 22,00

Info spettacolo

da William Shakespeare
uno spettacolo di Riccardo Vannuccini

In che modo il testo dell’Hamlet può diventare un libro segreto, farsi mappa del mondo e misurare le cose del tempo attuale? Il testo si cambia in azione scenica e allora un foglio strappato dal copione diventa la carta d’identità, il permesso di soggiorno, una ricetta medica, l’ultima lettera alla madre, un fuoco nella notte, la tomba sulla sabbia. Hamlet come traccia, segnale di orientamento fra uomo e dio, fra bene e male, fra terra e mare, fra castello e deserto, fra vendetta e giustizia, fra cristiano e musulmano, fra oriente e occidente, fra pace e guerra, fra Amleto e Ofelia.

Questo laboratorio dedicato poeticamente alla figura dell’Amleto shakespeariano, intende ravvicinare i corpi di sei attori, farne sei strumenti di indagine del contemporaneo con sei rifugiati, sei sopravissuti, in un progetto di composizione scenica che attraverso la finzione intende sperimentare nuove possibilità di salute. Poiché il senso dell’arte, anche quando contraddice è proprio quello della salus.