Vendita e prenotazione online biglietti teatro per L'indecenza e la forma

Lunedi 13 febbraio 2017

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 13,20

Roma Teatro Argentina Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Lun 13 feb 2017 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
L'indecenza e la forma 13 feb, 21:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20

Info spettacolo

Pasolini nella stanza della tortura
di Giuseppe Manfridi
regia Marco Carniti

con Francesca Benedetti

L’Indecenza e la forma è uno spettacolo che va oltre, è «una discesa a capofitto nella spirale dei gironi pasoliniani usando le sillabe per generare un corpo fonetico che si faccia tutt’uno con la narrazione. Il corpo di una laica deità capace di accogliere in sé le tante voci necessarie a esprimere il furore scandaloso e cartesiano di una profezia con la quale il nostro tempo e il nostro Paese ancora convivono, inadeguati (…). Geometrica e lucida è la lezione del poeta che con atto pragmatico redige referti della propria epoca imponendo ai suoi contemporanei una chiara visione del futuro», riflette Giuseppe Manfridi, in quanto in Pasolini la forma e l’indecenza si fondono e «parlano il poeta bambino e il poeta adulto, il padre delittuoso e la madre onnivora, il fratello caro agli Dei e Saturno divoratore dei propri figli, la plebe e gli amanti».

Nel profluvio dei versi che compongono il copione, nei lacci delle rime e delle assonanze, nel rap dissennato che attraversa facce, gole, miti, censi e nervature, l’osceno ambisce a purificarsi, mostrandosi ansioso di una spietatezza che lo giustifichi. Parla il poeta bambino e parla il poeta adulto, parla il padre delittuoso e la madre onnivora, parla il fratello caro agli Dei e Saturno divoratore dei propri figli, parla la plebe e parlano gli amanti. E il loro parlare si traduce in lotta, la lotta in dramma, e il dramma tende alla sua catarsi, che infine arriva. È il compimento di un’esistenza che, per paradosso, ha saputo domare il proprio fato accettando un’assoluta sottomissione ad esso.