Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Il Testimone

Giovedi 3 novembre 2016

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 13,20

Roma Teatro Argentina Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Gio 3 nov 2016 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Testimone 3 nov, 21:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20

Info spettacolo

Una storia vera di trattativa Stato-mafia
di Mario Almerighi e Fabrizio Coniglio
diretto e intepretato da Bebo Storti e Fabrizio Coniglio
produzione Tangram Teatro Torino

Un omaggio poetico, intriso di amari sorrisi e grottesche divagazioni, alla figura del magistrato Giacomo Ciaccio Montalto, ucciso dalla mafia siciliana a Erice (Trapani) nel 1983. Attraverso un simbolico viaggio in barca da Civitavecchia a Trapani, dove viveva Montalto, i due protagonisti rievocano i tempi in cui il magistrato operava con eroismo e dedizione per la causa della giustizia e della legalità in una terra difficile e complessa, bella e disperata. Se ne delinea un ritratto personale denso di affetto e rimpianto, un affresco delicato da cui emerge una figura umanissima, pervasa da dolci spiriti poetici e da un profondo senso dello stato, che oggi va ricordato e mostrato soprattutto alle nuove generazioni.

Le incursioni di Bebo Storti coloreranno il tutto con un tocco di grottesca comicità e toni da commedia. Nel dopo-spettacolo Pier Camillo Davigo e Mario Almergighi, co-autore del testo, risponderanno ai quesiti degli spettatori e dei ragazzi presenti in sala sul tema del rapporto inquietante tra istituzioni e potere mafioso. Proprio le istituzioni, in questi tempi bui e senza apparenti speranze di redenzione, possono ancora essere un luogo in cui si compie con purezza l’esercizio politico nel senso più nobile del termine.

Foto di Luigi Orru