Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Medea

Da martedi 4 aprile 2017 a mercoledi 5 aprile 2017

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 10,80

Parma Teatro Due Spazio Grande Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Mar 4 apr 2017 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 10,80 Biglietti in pianta
Medea 4 apr, 20:30 Teatro Due Spazio Grande Viale Francesco Basetti, 12 Parma Teatro Biglietti in pianta 10,80
Mer 5 apr 2017 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 10,80 Biglietti in pianta
Medea 5 apr, 20:30 Teatro Due Spazio Grande Viale Francesco Basetti, 12 Parma Teatro Biglietti in pianta 10,80

Info spettacolo

Medea è una figura che esce dall’antichità e ci pervade per il suo essere profondamente moderna forse perché alla base della sua vicenda resta sempre potente il dramma della diversità in senso lato e la difficoltà di accettare lo straniero.

Per restituire la complessità di questo personaggio, la maga straniera portatrice di valori arcaici, tradita dal marito e rifiutata dalla razionale civiltà greca di Corinto che ne ha fatto un capro espiatorio, Elisabetta Pozzi e Andrea Chiodi hanno attraversato tutta l’immensa letteratura a lei dedicata, dal primo all’ultimo testo: da Euripide ad Heiner Müller.

“Forse il cuore della tragedia greca sta proprio in Medea, la donna, la sposa, l’amante, la maga e la madre. Donna come le grandi eroine tragiche, Sposa di Giasone condizione dalla quale muovono tutte le azioni della tragedia, Amante e quindi mossa da grande passione, Maga e quindi diretta discendente delle divinità, Madre e per questo così attaccata alla sorte dei figli. Tutto muove dall’incontro-scontro tra i vari corpi di Medea, tra i vari impeti di Medea, tra la sua passione e il suo volere, dove la passione è più forte del volere – racconta il regista Andrea Chiodi. So bene quali mali sto per compiere – dice Medea – ma la passione, che è causa per gli uomini delle sventure, è più forte di ogni mio volere”.

Una donna dunque che agisce con impeto e con passione ma non per questo incapace di pensieri lucidi e meditati, una donna in bilico tra l’amore e la sapienza, dove l’amore ha un ruolo però primario, motore che fa muovere tutta la tragedia e tutto il suo percorso.

Informazioni sull'organizzatore

Fondazione Teatro Due

Viale Basetti, 12/A