Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Falstaff

Da martedi 21 novembre 2017 a domenica 26 novembre 2017

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 32,45

Torino Teatro Regio di Torino Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Mar 21 nov 2017 15:00 Vendita biglietti attiva Da € 32,45 Biglietti
Falstaff 21 nov, 15:00 Teatro Regio di Torino Piazza Castello, 215 Torino Teatro Biglietti non numerati 32,45
Mer 22 nov 2017 20:00 Vendita biglietti attiva Da € 32,45 Biglietti
Falstaff 22 nov, 20:00 Teatro Regio di Torino Piazza Castello, 215 Torino Teatro Biglietti non numerati 32,45
Dom 26 nov 2017 15:00 Vendita biglietti attiva Da € 32,45 Biglietti
Falstaff 26 nov, 15:00 Teatro Regio di Torino Piazza Castello, 215 Torino Teatro Biglietti non numerati 32,45

Info spettacolo

«Le allegre comari di Windsor è una commedia francamente noiosa. Dobbiamo essere grati a Shakespeare per averla scritta, poiché ha fornito lo spunto per il Falstaff di Verdi, un eccelso capolavoro operistico». Così Wystan Hugh Auden nelle sue “Lezioni su Shakespeare”, a New York nel 1947, liquidava la commedia shakespeariana, e invece di analizzarla faceva ascoltare ai suoi studenti una registrazione dell’opera verdiana.

L’ultima opera di Verdi nasce dall’inesausto amore del compositore per Shakespeare (il tanto accarezzato progetto di musicare Re Lear…) e dalla voglia di scrivere un’opera comica (nel 1840 Un giorno di regno era stato un clamoroso insuccesso, e poi c’era stato quel giudizio di Rossini che aveva dichiarato che Verdi non aveva talento teatrale comico).

Così nel 1890, un Verdi settantasettenne scriveva a Gino Monaldi: «Sono quarant’anni che desidero scrivere un’opera comica, e sono cinquant’anni che conosco Le allegre comari di Windsor; pure… i soliti ma, che sono dappertutto, si opponevano sempre a far pago questo mio desiderio. Ora Boito ha sciolto tutti i ma, e mi ha fatto una commedia lirica che non somiglia a nessun’altra. Io mi diverto a farne la musica; senza progetti di sorta, e non so nemmeno se finirò… Ripeto: mi diverto… Falstaff è un tristo che commette ogni sorta di cattive azioni… ma sotto una forma divertente. È un tipo! Son sì vari i tipi! L’opera è completamente comica!». Il 5 febbraio 1887 era andato in scena alla Scala Otello, su libretto di Arrigo Boito.

Tutti pensavano che sarebbe stata la sua ultima opera e invece, tra i 76 e i 79 anni, Verdi lavora, con calma, a Falstaff, soggetto che era già stato musicato nel 1798 da Salieri (Falstaff, ossia Le tre burle) e nel 1849 da Otto Nicolai (Die lustigen Weiber von Windsor). Il 9 febbraio 1893 l’opera va in scena alla Scala, in sala ci sono Carducci, Leoncavallo, Puccini, Mascagni, Serao: il compositore esce tre volte dopo il primo atto, sei dopo il secondo, sette dopo il terzo; un gruppo di spettatori, dopo la recita, lo festeggia davanti all’Hotel Milan. Verdi spiazza pubblico e critica: su un libretto sofisticatissimo e ricco di giochi di parole, l’ironia e lo sguardo sereno di un quasi ottuagenario gli permettono di evitare i pezzi chiusi, di giocare ad autocitarsi, di chiudere la sua carriera di operista con una fuga intonata sui versi “Tutto nel mondo è burla”.

Commedia lirica in tre atti
Libretto di Arrigo Boito
dalla commedia Le allegre comari di Windsor
e dal dramma La storia di Enrico IV
di William Shakespeare

Musica di Giuseppe Verdi

Personaggi e intepreti

Sir John Falstaff baritono
Carlos Álvarez
Carlo Lepore (16, 18, 21)

Ford, marito di Alice baritono
Gabriele Viviani
Simone Del Savio (16, 18, 21)

Fenton tenore
Francesco Marsiglia
Iván Ayón Rivas (16, 18, 21)

Mrs. Alice Ford soprano
Erika Grimaldi
Rocío Ignacio (16, 18, 21)

Nannetta, figlia di Alice e di Ford soprano
Valentina Farcas
interprete da definire

Mrs. Quickly mezzosoprano
Sonia Prina

Mrs. Meg Page mezzosoprano
Monica Bacelli
Clarissa Leonardi 
(16, 18, 21)

Dottor Cajus tenore
Andrea Giovannini

Bardolfo seguace di Falstaff tenore
Patrizio Saudelli

Pistola, seguace di Falstaff basso
Carlo Cigni 

Direttore d'orchestra
Daniel Harding

Regia
Daniele Abbado
Regista collaboratore Boris Stetka
Scene Graziano Gregori
Costumi Carla Teti
Luci Luigi Saccomandi
Assistente alle scene Angelo Linzalata
Assistente ai costumida definire
Maestro del coro Claudio Fenoglio

Orchestra e Coro del Teatro Regio

Allestimento Teatro Regio
(Produzione originale: Teatro Lirico di Cagliari)

Informazioni sull'organizzatore

Fond. Teatro Regio di Torino

Piazza Castello, 215  10124 Torino - 011 8815557