Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Il Giorno Di Un Dio

Da venerdi 12 gennaio 2018 a domenica 21 gennaio 2018

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 13,20

Roma Teatro Argentina Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Ven 12 gen 2018 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 12 gen, 21:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Sab 13 gen 2018 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 13 gen, 19:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Dom 14 gen 2018 17:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 14 gen, 17:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Mar 16 gen 2018 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 16 gen, 21:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Mer 17 gen 2018 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 17 gen, 19:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Gio 18 gen 2018 17:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 18 gen, 17:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Ven 19 gen 2018 21:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 19 gen, 21:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Sab 20 gen 2018 19:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 20 gen, 19:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20
Dom 21 gen 2018 17:00 Vendita biglietti attiva Da € 13,20 Biglietti in pianta
Il Giorno Di Un Dio 21 gen, 17:00 Teatro Argentina Largo di Torre Argentina, 52 Roma Teatro Biglietti in pianta 13,20

Info spettacolo

scritto e diretto da Cesare Lievi

dramaturg Sylvia Brandl, Philine Kleeberg
traduzione per la parte in tedesco Hinrich Schmidt-Henkel 
con (in o. a.) Hendrik Arnst, Valentina Bartolo, Bea Brocks
Paolo Garghentino, Irene Kugler, Gregor Kohlhofer, Graziano Piazza, Alvia Reale
musica e musica originale Mauro Montalbetti
scene Maurizio Balò
costumi Birgit Hutter
disegno luci Cesare Agoni

produzione Stadttheater Klagenfurt, Teatro di Roma - Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione

"Dodici frammenti scenici in memoria di Martin Lutero"

Di un evento storico di fondamentale importanza per l’Europa (la pubblicazione delle “95 tesi” contro le indulgenze papali, da parte di Martin Lutero) che cosa è rimasto, dopo cinquecento anni, nella nostra vita quotidiana, pubblica o privata, e nel nostro modo di pensare e vivere l’esistenza? Una traccia decisa da seguire come qualcosa di certo e indiscutibile? O soltanto schegge? Una verità a spicchi, in parte ancora fruibile, in parte completamente rifiutata e inaccettabile? O qualcosa di vago, d’indistinto che agisce con forza e determinazione segrete, inconsapevoli, indipendentemente dal fatto che si sia atei, cattolici o riformati? O semplicemente nulla? Cenere che la storia ha accumulato sugli eventi, e che basta un piccolo soffio per scacciarla via? Queste le domande sulle quali si basa il nuovo lavoro del regista premio Ubu Cesare Lievi, il quale intesse dodici frammenti, lontani dal tentativo di formulare una risposta, che si rapportano, giocano, interagiscono alla ricerca di una illuminazione fatta di altre domande e dubbi: quello che siamo, ha ancora ha che fare con quello che è stato? Gli interrogativi e le risposte date su Dio, la fede, la grazia, i sacramenti, la salvezza ci riguardano ancora? È ancora possibile un rapporto tra parola e verità? La fede porta necessariamente all’intolleranza e al fanatismo? E quelle parole pronunciate davanti all’imperatore e al legato pontificio – le maggiori autorità del tempo – “Questa è la mia posizione, non posso smentirla”, che significano, che valore hanno nel nostro tempo?