Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Il Casellante

Lunedi 22 gennaio 2018

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 25,50

La Spezia Teatro Civico Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Lun 22 gen 2018 20:45 Vendita biglietti attiva Da € 25,50 Biglietti in pianta
Il Casellante 22 gen, 20:45 Teatro Civico Piazza Mentana 1 La Spezia Teatro Biglietti in pianta 25,50

Info spettacolo

di Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale

con Moni Ovadia, Valeria Contadino, Mario Incudine
regia Giuseppe Dipasquale

«Siamo negli anni ’40, in pieno regime e nell’isola è atteso l’arrivo degli alleati. Qui, il casellante Nino sposa la tenera Minica desiderando un figlio che arriverà, però, solo con l’intervento di una fattucchiera. Ma la fragile donna sarà brutalmente violentata da un collega del marito e perderà il bambino che aveva in grembo diventando sterile e pazza. Passioni, gelosie, vendette, dolori dell’anima e del corpo, meschinità, prepotenze dello Stato e protezioni mafiose i temi ricorrenti della trama. Ma il finale è un inno alla vita perché il mistero si nasconde dietro a ciò che è imprevedibile agli uomini e cambia in bene il loro destino.» Avvenire

Il casellante è uno dei libri più divertenti e struggenti di Andrea Camilleri. Ambientato in Sicilia, è la storia di una metamorfosi e un racconto emblematico di un modo di essere e di ragionare. Camilleri si muove tra realtà e fantasia, creando grazie alla sua maestria narrativa una vicenda simbolica che disegna i tratti di una Sicilia antica e moderna, comica e tragica, ad un tempo ferocemente logica e paradossale.

Il casellante è un racconto in musica divertito e irridente del periodo fascista nella Sicilia degli anni Quaranta, scritto nella lingua personale, originale e sperimentale di Camilleri, divenuta ormai familiare al pubblico dei lettori e degli spettatori televisivi. Una musicalissima e gustosa sinfonia di parlate, tra termini di nuovo conio e modi di dire tratti dal dialetto e rielaborati in chiave colta.

«Un formidabile sincretismo a servizio di una storia di dolore e passione, violenza e riscatto. Un inno alla vita contro la morte.» Giuseppe Dipasquale, il regista.

Informazioni sull'organizzatore

Teatro Civico

Fondazione Carispezia – tel. 0187 258617

http://www.fondazionecarispezia.it/

Sito web: http://www.fondazionecarispezia.it/