Vendita e prenotazione online biglietti teatro per Ubu Roi

Da mercoledi 12 ottobre 2016 a domenica 16 ottobre 2016

Prezzi per singolo biglietto, inclusi gli eventuali diritti di prevendita applicati dal teatro, ente e/o organizzatore, escluse le eventuali commissioni di acquisto online.
Info spettacolo
Biglietti a partire da 22,40

Milano Teatro Sala Fontana Indirizzo e mappa luogo

Giorno e ora spettacolo Stato e disponibilità Prezzo e offerte
Mer 12 ott 2016 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 22,40 Biglietti in pianta
Ubu Roi 12 ott, 20:30 Teatro Sala Fontana Via Gian Antonio Boltraffio, 21 Milano Teatro Biglietti in pianta 22,40
Gio 13 ott 2016 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 22,40 Biglietti in pianta
Ubu Roi 13 ott, 20:30 Teatro Sala Fontana Via Gian Antonio Boltraffio, 21 Milano Teatro Biglietti in pianta 22,40
Ven 14 ott 2016 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 22,40 Biglietti in pianta
Ubu Roi 14 ott, 20:30 Teatro Sala Fontana Via Gian Antonio Boltraffio, 21 Milano Teatro Biglietti in pianta 22,40
Sab 15 ott 2016 20:30 Vendita biglietti attiva Da € 22,40 Biglietti in pianta
Ubu Roi 15 ott, 20:30 Teatro Sala Fontana Via Gian Antonio Boltraffio, 21 Milano Teatro Biglietti in pianta 22,40
Dom 16 ott 2016 16:00 Vendita biglietti attiva Da € 22,40 Biglietti in pianta
Ubu Roi 16 ott, 16:00 Teatro Sala Fontana Via Gian Antonio Boltraffio, 21 Milano Teatro Biglietti in pianta 22,40

Info spettacolo

Centoquarant’anni fa - l’8 settembre 1873 - nasceva a Laval, sulla Loira, Alfred Jarry, poeta, romanziere, drammaturgo, pittore e incisore, ma soprattutto fondatore della “patafisica”, il movimento che si poneva come obiettivo lo smantellamento del reale e la sua ricostruzione sotto forma di assurdo.

L’ispirazione per Ubu Roi - rappresentata per la prima volta nel dicembre 1896 - pare gli fosse stata data dal professore di fisica del liceo, Monsieur Hébert, dagli studenti soprannominato ‘padre Hébert’, che, dice Jarry, “incarnava tutto il grottesco che era al mondo”. In verità, con “Ubu Roi” Jarry rielaborò in modo originale e totalmente nuovo la propria percezione dei classici e di Shakespeare in particolare.

«Io credo nel Teatro - spiega Roberto Latini, regista dello spettacolo e autore dell’adattamento -. Ovvero, nell’occasione del Teatro. Nei classici e nel contemporaneo, come ‘declinazione’. Jarry ci restituisce all’occasione teatro superando addirittura la natura stessa del suo testo. (...) Scrivo Jarry e penso si possa leggere Shakespeare. Abbiamo lavorato tenendo questo continuo riferimento, tutti i parallelismi possibili. Li abbiamo distillati, scelti, evocati, da Macbeth ad Amleto, passando per Romeo e Giulietta o Giulio Cesare o La tempesta. Abbiamo integrato Jarry col suo proprio modello e Shakespeare con l’inventore della patafisica. Li abbiamo entrambi ricondotti al nostro tempo teatrale, al nostro sentire, al nostro modo di stare al Teatro».

Così, la storia di Ubu che uccide re Venceslao, stermina i nobili che lo avevano appoggiato e vuole farsi re, trovandosi a un certo momento a fare i conti con il figlio del defunto, è lo spunto per una riflessione sul senso del fare teatro oggi e sull’eredità che il Novecento ci lascia.

«Gli Ubu - spiega Latini - sono un’alterazione e una capacità insieme. Dalla loro comparsa sulla scena si può stabilire un punto di non ritorno. E quindi anche di appartenenza, o partenza nuova. (...) Jarry è riuscito a ricondurci al Teatro, a riconvocarci, proponendo delle figure e una modalità di relazione tra testo e scena assolutamente contemporanei. Jarry propone una nuova convenzione, più che moderna, dentro l’assolutezza che soltanto i classici riescono a determinare. (...) Jarry, insieme a pochi, pochissimi altri, è riuscito a darci un appuntamento dentro il futuro prossimo, spostando il luogo dell’incontro dalla convenzione stabilita alla relazione possibile».

di Alfred Jarry

adattamento e regia Roberto Latini

musiche e suoni Gianluca Misiti
scena Luca Baldini
costumi Marion D’Amburgo
luci Max Mugnai
con Roberto Latini
e con
Francesco Pennacchia, padre Ubu
Ciro Masella, madre Ubu
Sebastian Barbalan, regina Rosmunda/ zar Alessio 
Marco Jackson Vergani, capitano Bordure/ Orso
Lorenzo Berti, re Venceslao/ Spettro/ Nobili
Guido Feruglio, principe Bugrelao
Fabiana Gabanini, palotini/ Orsa/ Messaggero

Informazioni sull'organizzatore

Teatro Sala Fontana

Via Boltraffio 21
20159 Milano
Tel. 02 69015733

Sito web: http://www.teatrosalafontana.it/

Email: fontana.teatro@elsinor.net